Resta in contatto

News

Cornacchini: “Brutta prestazione, c’è da lavorare ma non sono preoccupato”

Al tecnico non è piaciuto l’atteggiamento della squadra, soprattutto per quanto visto in fase d’attacco

La prima, inaspettata, battuta d’arresto della stagione apre tante interrogativi su quello che sarà il campionato del Bari. I biancorossi partono tra i favoriti ma, visto come ha giocato oggi l’Avellino, è evidente che per vincere il torneo dovranno fare molto di più di quanto mostrato al Partenio-Lombardi.

“Abbiamo faticato, siamo andati in sofferenza dal punto di vista fisico anche se non abbiamo subito troppe occasioni – le parole di Cornacchini nel dopogara – Se questa partita fosse finita zero a zero credo che nessuno avrebbe avuto nulla da ridire. Abbiamo perso, non è successo niente di grave, sono deluso ma questo è il calcio, guardiamo avanti e continuiamo a lavorare. Nel primo tempo abbiamo faticato a trovare la profondità, siamo stati un po’ lenti nelle giocate e a trovare le soluzioni migliori. Le proteste nel finale? C’è stato un fallo di mano nell’area di rigore dell’Avellino che non ci è stato fischiato. Secondo noi era simile a quello di Perrotta per il quale è stato assegnato il rigore all’Avellino. Abbiamo chiesto all’arbitro i motivi di questa differenza di vedute”. 

“Ero consapevole che avremmo potuto avere dei problemi – ha proseguito il tecnico – Rispetto alla Paganese abbiamo giocato meno bene. L’Avellino difendeva a cinque, avevamo alcuni giocatori come Schiavone a corto di condizione, ho provato Corsinelli a sinistra, ho provato il tandem Antenucci-Simeri. Ho capito tante cose su cui dovrò lavorare. Ci vuole del tempo per creare una squadra forte. Domenica per fortuna inizia il campionato, vedremo se ci sarà una reazione o meno. Certo è che anche quando si vincono i campionati è impossibile non perdere mai”. 

34 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

34 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Bari, mercato chiuso: siete soddisfatti della rosa costruita da Romairone?

Ultimo commento: "Dare un voto si diventa cicinici, non è il voto che conta, QUELLO CHE CONTA è LA CAPACITA DELLE QUALITA CHE SI ESPRIMONO SUL CAMPO, saranno capaci..."

Cavese-Bari: per i tifosi Celiento è il migliore in campo

Ultimo commento: "Ottimo acquisto, avanti così"

Viterbese-Bari 0-3: votate il migliore in campo

Ultimo commento: "il mio migliore in campo e antenucci, gol e assist che vuoi di piu?"

Bari: oltre il 70% dei tifosi che ha votato il nostro sondaggio promuove il mercato

Ultimo commento: "E' bene che la Società ci ripensi sulla gestione del caso Hamlili visto che il calciatore è attaccatissimo al Bari. E poi se manca qualcosa la..."
Advertisement

I Miti biancorossi

Il giaguaro che volava tra i pali

Franco Mancini

"Il Capitano" biancorosso

Giovanni Loseto

Il goleador del Bari, capocannoniere in A nel 1996

Igor Protti

Un idolo scolpito nel cuore dei tifosi del Bari

Joao Paulo

Il gigante svedese che ha fatto innamorare Bari

Klas Ingesson

Il muro biancorosso

Lorenzo Amoruso

L'antieroe biancorosso

Phil Masinga

Genio e sregolatezza del Bari

Pietro Maiellaro

Il "Cobra" biancorosso

Sandro Tovalieri

Il galletto svedese

Yksel Osmanovski

Altro da News