Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Bergossi: “Bari, che attacco! Antenucci decisivo con una punta accanto”

L’ex attaccante biancorosso ha dato il suo parere sul reparto avanzato dei galletti e sulla molteplicità di soluzioni a disposizione del tecnico

Il reparto in cui il Bari risulta essere maggiormente attrezzato è indubbiamente l’attacco, settore in cui Cornacchini può contare su centravanti come Antenucci, Ferrari e Simeri e ali col vizio del goal come Floriano, Kupisz, Terrani, D’Ursi e Neglia. La varietà di attaccanti con caratteristiche diverse, oltre a dare tanta scelta a livello di singoli, consentirà al mister di ricorrere a diversi atteggiamenti tattici a seconda di ciò che richiederanno le partite.

Della stessa idea è Alberto Bergossi, ex centravanti del Bari, che contribuì alla promozione in Serie A dei biancorossi nella stagione 1984-1985. Intervistato da La Gazzetta dello Sport, il 60enne forlivese ha detto la sua sull’artiglieria biancorossa: “L’ attacco del Bari è davvero molto forte. Ha una batteria di punte che farebbe bene anche in Serie B”. Per Bergossi tutta questa varietà in avanti non potrà che fare bene al tecnico: “Cornacchini in questo modo avrà l’opportunità di cambiare modulo tattico a seconda delle esigenze contingenti, anche a match in corso. Può contare su uomini duttili, ma una cosa è certa: in prima linea è attrezzatissimo”.

Inevitabilmente quando si parla dell’attacco del Bari, non si può non citare Mirco Antenucci: “Lui è la ciliegina sulla torta. Lo conosco bene. Può agire sia da prima che da seconda punta, non ha le caratteristiche dello sfondatore. Riesce a essere molto più incisivo quando può sfruttare la fisicità della punta che gli gioca accanto. I tifosi biancorossi lo vedranno: può inventarsi la giocata vincente anche con una botta dalla distanza”.

Bergossi, che di mestiere fa il procuratore, conosce molto bene alcuni dei calciatori biancorossi. “Floriano? Per caratteristiche gli si addice in maggior misura il 4-3-3. Punta molto sulla rapidità, sulla velocità di esecuzione, salta l’uomo. Farà comodo in tante occasioni, in base alle caratteristiche dell’avversario di turno. D’Ursi? L’ho visto giocare a Bisceglie e a Catanzaro: è una seconda punta che vede la porta, sente il profumo del gol, un giocatore vero. Essendo ancora giovane, credo abbia prospettive importanti. Potrebbe far bene anche in Serie B”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 della storia del Bari: deciso il miglior portiere di sempre!

Ultimo commento: "Fantini e Caffaro primi anni 80"

Bari, mercato chiuso: siete soddisfatti della rosa costruita da Romairone?

Ultimo commento: "Dare un voto si diventa cicinici, non è il voto che conta, QUELLO CHE CONTA è LA CAPACITA DELLE QUALITA CHE SI ESPRIMONO SUL CAMPO, saranno capaci..."

Cavese-Bari: per i tifosi Celiento è il migliore in campo

Ultimo commento: "Ottimo acquisto, avanti così"

Viterbese-Bari 0-3: votate il migliore in campo

Ultimo commento: "il mio migliore in campo e antenucci, gol e assist che vuoi di piu?"

Bari: oltre il 70% dei tifosi che ha votato il nostro sondaggio promuove il mercato

Ultimo commento: "E' bene che la Società ci ripensi sulla gestione del caso Hamlili visto che il calciatore è attaccatissimo al Bari. E poi se manca qualcosa la..."
Advertisement

I Miti biancorossi

Il giaguaro che volava tra i pali

Franco Mancini

"Il Capitano" biancorosso

Giovanni Loseto

Il goleador del Bari, capocannoniere in A nel 1996

Igor Protti

Un idolo scolpito nel cuore dei tifosi del Bari

Joao Paulo

Il gigante svedese che ha fatto innamorare Bari

Klas Ingesson

Il muro biancorosso

Lorenzo Amoruso

L'antieroe biancorosso

Phil Masinga

Genio e sregolatezza del Bari

Pietro Maiellaro

Il "Cobra" biancorosso

Sandro Tovalieri

Il galletto svedese

Yksel Osmanovski

Altro da News