Resta in contatto

Approfondimenti

L’asse magico del Bari: Frattali impenetrabile, Botta inventa

Quattro calciatori rappresentano la spina dorsale della squadra di Mignani

Frattali, Terranova, Maita e Botta. Sono i quattro calciatori più utilizzati da Mignani, la colonna portante del Bari che guida il campionato con sette lunghezze di vantaggio sull’Avellino. Due veterani e due acquisti, che rappresentano l’ottimo lavoro svolto dal club in sede di mercato, con la rivoluzione degli ultimi giorni d’agosto.

Frattali, che ha rinnovato fino al 2023 durante il ritiro, si è rivelato arma in più, soprattutto nei big match con Catanzaro, Avellino e Palermo difendendo in ogni modo la porta. Terranova ha saltato soltanto i match contro il Potenza ma è stato fondamentale per la squadra: diciotto presenze, tre reti non banali e una continuità impressionante nelle prestazioni fornite da inizio settembre a metà dicembre.

A centrocampo svetta Maita, che dopo aver iniziato da mezz’ala destra, si è preso il posto da playmaker davanti alla difesa. Risultati eccellenti, vista l’intelligenza e la forma fisica dimostrata nei primi mesi di campionato. E poi c’è Botta, il fantasista del Bari: quattro reti e sette assist che lo laureano inevitabilmente come uno dei leader tecnici della squadra. Zero partite saltate dall’argentino, sempre al centro del progetto tecnico della squadra che punta dritto al ritorno in serie B.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Peccato sono solo 11, perchè ci sarebbero altri tipo Tovalieri, Daniel Andersson, Kenneth Andersson, Neqrouz, Gerson, Garzja, Mancini, De Rosa"

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Ricordo i suoi bolidi dai calci di punizione ed in particolare il goal in in cosenza bari che ci spinse verso la A. Grande difensore."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "io ero in curva quando Maiellaro ci deliziava, la sua sfortuna è stata che in Nazionale ci stava prima Giannini e poi Baggio e Vicini due fantasisti..."

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "È stato un grande di tutto il calcio Giuan u captan"

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "È vero mi ricordo anch'io quell'episodio c'ero allo stadio era stata l'occasione migliore della partita da parte del Milan, e di Ganz."
Advertisement

Altro da Approfondimenti