Resta in contatto

Le pagelle di Labaricalcio

Avellino-Bari: Di Cesare e Perrotta reggono, male Antenucci, Cianci e Rolando

La gara al Partenio tra Avellino e Bari è appena terminata: queste le pagelle biancorosse di labaricalcio.it

 FRATTALI 6

Risponde presente nell’unica occasione in cui è sollecitato, attento sulla girata di Dossena. Sulla zampata di Fella non può opporsi

MINELLI 5

Rovina una buona prestazione complessiva con l’amnesia che porta alla sconfitta del Bari: Fella lo brucia sul tempo e decide il match

DI CESARE 6

Al centro della difesa è sempre presente e non commette sbavature. Maniero e Bernardotto non la vedono quasi mai, alla fine fa il centravanti, ma non basta a evitare il ko

PERROTTA 6

Partecipa alla buona prova complessiva del reparto: su azione manovrata l’Avellino non punge. Diversa la musica sui calci piazzati

MARRAS 5,5

Abulico nel primo tempo, nel secondo tempo ha qualche lampo: libera Rolando in area ma il compagno spreca. Probabilmente la posizione troppo arretrata non l’ha favorito

MAITA 5,5

Un passo indietro rispetto alle ultime confortanti uscite. Ammonito nel primo tempo, rischia anche il rosso nel finale. Meno appariscente del solito, non riesce nei suoi soliti strappi

LOLLO 5,5

Chiamato a rimpiazzare Bianco vittima di un infortunio poco prima del fischio iniziale. Non riesce mai a cambiare passo e non incide.

DE RISIO 5,5

E’ colui che si adatta di più alla partita nervosa. In fase di non possesso c’è sempre e si fa sentire spesso e volentieri. Non riesce a esprimersi nella fase propositiva

ROLANDO 5

Non riesce a liberare la corsa negli spazi intasatissimi della difesa di casa. Ha un’occasione clamorosa nel secondo tempo ma spara addosso a Forte, accentuando la difficoltà sotto porta già evidenziata in altre occasioni

ANTENUCCI 5

Il grande assente del pomeriggio del Partenio: l’uomo con maggiore esperienza si vede molto poco e quelle poche volte non incide, anzi, sbaglia anche diversi appoggi.

CIANCI 5

Non riceve tanti palloni giocabili ma il Cianci odierno sembra il lontano parente di quello ammirato due mesi fa. Sembra essere svanita la magia che l’aveva accompagnato nei primi giorni in Puglia

D’URSI sv

Entra dopo aver incassato lo svantaggio. Pochi minuti in campo, non riesce nel miracolo

CARRERA 5

Una sconfitta ad Avellino ci può stare. Giocare in maniera troppo attendista per 85 minuti una gara che si doveva assolutamente vincere, no. Nell’ultima mezz’ora avrebbe potuto osare di più per cercare il successo, invece l’unico cambio arriva dopo il gol di Fella.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Certamente sono talmente tanti che andiamo a puntate😂 a questo punto abbiamo commesso una gaffe..Igor il grande allora?.."

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "È stato un grande di tutto il calcio Giuan u captan"

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Davvero un gran giocatore"

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Ricordo un gran Gol che fece Lorenzo, in un'amichevole con la Signora, vinta dal Bari x 2-0. Fece partire un bolide d'esterno dx, imprendibile per in..."

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "È vero mi ricordo anch'io quell'episodio c'ero allo stadio era stata l'occasione migliore della partita da parte del Milan, e di Ganz."
Advertisement

Altro da Le pagelle di Labaricalcio