Resta in contatto

News

Bari-Avellino, Auteri: “Gara vinta con merito, è un percorso in crescendo. Non guardiamo la Ternana”

L’analisi dell’allenatore dei Galletti nel post-partita di Bari-Avellino, gara vinta 4-1 al San Nicola

Il tecnico biancorosso Gaetano Auteri ha parlato in conferenza stampa al termine della netta vittoria del Bari contro l’Avellino: “Sono campionati che si determinano a marzo, non guardo alla Ternana – ha detto ai microfoni di TeleBari -. Siamo in crescita, c’è tempo dall’inizio è stato un percorso in crescendo. Questa è una grande piazza, vuole tutto e subito ma occorre tempo. Siamo un gruppo sereno, equilibrato, abbiamo vinto con merito, a un certo punto abbiamo gestito. A parte un inizio in cui abbiamo perso qualche pallone banale, siamo cresciuti, abbiamo fatto break importanti. Nell’azione del secondo gol c’era anche Celiento, questo la dice lunga sul nostro atteggiamento. Fuori casa loro avevano subito pochissimo finora”.

Rispetto alle ultime uscite si è visto un Bari più vigoroso: “L’intensità cerchiamo di metterla sempre, basterebbero alcuni esempi. Fra gli esterni, Andreoni non l’abbiamo mai avuto, Semenzato e D’Orazio stanno crescendo, il più continuo è Ciofani che è stato con noi dall’inizio e non è un caso. Difendiamo in maniera corale, oggi l’abbiamo fatto bene. A volte dipende dagli avversari e dalla nostra condizione fisica. Calma e gesso, abbiamo tante alternative. Non amo le gerarchie, di Simeri si parla tanto, si dicono tante cazzate. Deve recuperare la condizione, tocca a lui farlo, noi gli saremo di supporto. Conta la maglia. C’era la possibilità di far rifiatare qualcuno, l’abbiamo fatto. Di Cesare è uscito per precauzione, Celiento ha preso una botta ma nulla di grave”.

Il gol preso? Doveva capitare, meglio oggi che dopo. Il diretto interessato lo sa, un nostro giovane ha fatto un errore e siamo stati castigati (ride ndr).

L’ultima partita con il Palermo assume un’importanza ancora più grande in virtù dei due punti recuperati oggi alla Ternana e del turno di riposo della Ternana: “Non è uno snodo determinante, è un pezzo di un puzzle. E’ una partita importante, ma non è decisiva. La Ternana riposa, ma non dobbiamo lasciarci condizionare, il mio atteggiamento è lo stesso, l’ambiente si lascia influenzare. Ma vi domando se avessimo vinto con la Vibonese avrermmo detto che la Ternana è nel mirino? Dobbiamo comunque vincerle tutte”.

Infine il tecnico ha parlato del regalo di Natale che vorrebbe trovare sotto l’albero: “Siamo concentrati sul calcio, speriamo di uscire dal tunnel del covid. Fuori dal campo un sereno Natale per tutti, che sia un momento di solidarietà, accettiamo le regole e rispettiamole. Tanti auguri a tutti”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "hai ragione ma è una classifica impossibile da fare ,troppi giocatori forti lasciati fuori . Se ci limitiamo agli ultimi 30 anni potrei essere..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "io ero in curva quando Maiellaro ci deliziava, la sua sfortuna è stata che in Nazionale ci stava prima Giannini e poi Baggio e Vicini due fantasisti..."

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "È stato un grande di tutto il calcio Giuan u captan"

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Ricordo un gran Gol che fece Lorenzo, in un'amichevole con la Signora, vinta dal Bari x 2-0. Fece partire un bolide d'esterno dx, imprendibile per in..."

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "È vero mi ricordo anch'io quell'episodio c'ero allo stadio era stata l'occasione migliore della partita da parte del Milan, e di Ganz."
Advertisement

Altro da News