Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Antenucci: “Ho scelto il Bari perché mi ha voluto più di tutti”

Lunga intervista all’attaccante fiore all’occhiello del reparto offensivo biancorosso

Il nome di Mirco Antenucci è quello che più ha acceso la fantasia dei tifosi del Bari sin dal momento in cui sono incominciate a circolare le prime voci riguardo un suo possibile approdo nel capoluogo pugliese. L’entusiasmo è divenuto ancor più alto quando effettivamente l’attaccante molisano ha firmato un triennale con i galletti, diventando di fatto la stella dell’attacco a disposizione di Giovanni Cornacchini. Dai suoi piedi e dalle sue giocate, passano la maggior parte delle speranze di promozione del sodalizio biancorosso.

Il classe ’84 si è concesso ai microfoni del Corriere dello Sport per una lunga intervista, partendo dall’addio alla SPAL: “Qualcuno non ha voluto terminassi la mia carriera lì. Perché ho scelto il Bari? Perché è la società che mi ha voluto di più. Perché è una città dove la mia famiglia può vivere bene, un aspetto che non ho tralasciato nelle richieste che mi sono arrivate. Perché è una piazza che vive di calcio. Perché è un club che si vuole rilanciare. Perché è una sfida per me, per il presidente De Laurentiis e per tutti i ragazzi che ci sono qui”.

Antenucci è vicinissimo a raggiungere le 600 presenze da professionista alle quali si aggiungono 151 reti: “Sono contento, mi sento di poter dare ancora tanto, spero di riuscirci a Bari perché il nostro lavoro è bello soprattutto quando possiamo e riusciamo a regalare delle emozioni alla gente. Le 600 presenze sono un traguardo invidiabile ma il mio primo pensiero è di vivere una fantastica avventura col Bari. I trofei personali vengono per ultimi”.

Riguardo la posizione che preferisce occupare sul fronte offensivo Antenucci ha pochi dubbi: “Attaccante centrale o esterno? Preferisco muovermi da attaccante centrale. A inizio carriera ho fatto un po’ fatica a giocare nel mio ruolo poi con il passare degli anni ho trovato la giusta collocazione. Prima o seconda punta cambia poco”.

Capitolo allenatori, nello specifico quelli che lo hanno segnato di più: “Pillon e Tesser. Oltre che dal punto di vista calcistico, mi hanno dato tanto a livello umano, quello che più rimane. Anche Ventura è stato importante”. E Cornacchini? “Mi ha fatto subito una grande impressione, persona eccezionale, vera. Con un allenatore così puoi solo dare il cento per cento”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 della storia del Bari: deciso il miglior portiere di sempre!

Ultimo commento: "Fantini e Caffaro primi anni 80"

Bari, mercato chiuso: siete soddisfatti della rosa costruita da Romairone?

Ultimo commento: "Dare un voto si diventa cicinici, non è il voto che conta, QUELLO CHE CONTA è LA CAPACITA DELLE QUALITA CHE SI ESPRIMONO SUL CAMPO, saranno capaci..."

Cavese-Bari: per i tifosi Celiento è il migliore in campo

Ultimo commento: "Ottimo acquisto, avanti così"

Viterbese-Bari 0-3: votate il migliore in campo

Ultimo commento: "il mio migliore in campo e antenucci, gol e assist che vuoi di piu?"

Bari: oltre il 70% dei tifosi che ha votato il nostro sondaggio promuove il mercato

Ultimo commento: "E' bene che la Società ci ripensi sulla gestione del caso Hamlili visto che il calciatore è attaccatissimo al Bari. E poi se manca qualcosa la..."
Advertisement

I Miti biancorossi

Il giaguaro che volava tra i pali

Franco Mancini

"Il Capitano" biancorosso

Giovanni Loseto

Il goleador del Bari, capocannoniere in A nel 1996

Igor Protti

Un idolo scolpito nel cuore dei tifosi del Bari

Joao Paulo

Il gigante svedese che ha fatto innamorare Bari

Klas Ingesson

Il muro biancorosso

Lorenzo Amoruso

L'antieroe biancorosso

Phil Masinga

Genio e sregolatezza del Bari

Pietro Maiellaro

Il "Cobra" biancorosso

Sandro Tovalieri

Il galletto svedese

Yksel Osmanovski

Altro da News